Recensioni

Big Apple di Marion Seals- Recensione

Bentornati peperoncini in una nuova recensione; oggi vi parlo del primo libro di una serie composta da tutti volumi autoconclusivi e è totalmente autopubblicata dall’autrice (italiana).

big apple

Titolo: Big Apple

Autore: Marion Seals

Serie: Living NY

Cliffhanger: No

Narrazione: 1a persona, POV alternati

Editore: autopubblicato

Pagine: 468

Prezzo: €11,96

TRAMA

Dora e Lex. Assistente personale e grande capo. Giovane e ambiziosa, lei, miliardario e casanova, lui.
Sì, avete ragione, gli stereotipi ci sono tutti, e… no, non è un romance come quelli che avete letto finora.

“Mi chiamo Dora Monroe, ho venticinque anni e vivo a New York. Che culo, direte voi.
Vivo nella parte brutta di New York: il Bronx.”

Fedora Monroe, per gli amici Dora, originaria del Connecticut, lavora in una famosa casa editrice della Grande Mela, come assistente personale del proprietario, in attesa della grande occasione.

“Speravo di farmi notare abbastanza in fretta, ma dopo ben 743 giorni – sì, avete letto bene, SETTE-CENTO-QUARANTA-TRE, li ho contati – ancora nessuno si è inginocchiato ai miei piedi per supplicarmi di correggere le bozze di chicchessia. Chi dovrebbe promuovermi? Il mio capo, ovviamente. Chi è il mio capo?”

Alexander Maximilian Stenton III, rampollo di una delle famiglie più ricche e in vista degli Stati Uniti, tanto bello e intelligente, quanto presuntuoso e dispotico.

“Il mio nome è Alexander Maximilian Stenton III, ma gli amici mi chiamano Lex e la ragione non me la ricordo più. Nasco in una famiglia alto-borghese, con infiltrazioni nobili da parte di madre. La mia bisnonna sposò un conte e questo fa di noi i privilegiati tra i privilegiati. Ovvio che non conterebbe un cazzo se non fossimo anche schifosamente ricchi.”

Ecco che, quando il romanzo di un’autrice di punta della casa editrice rischia di non essere pubblicato nei tempi previsti, Dora ha la possibilità di fare ciò per cui è nata: l’editor.

Da qui, complice un segreto professionale che se rivelato farebbe perdere milioni di dollari, le vicende di Dora e Lex si intrecceranno in un incastro (im)perfetto di emozioni: litigate, sesso sfrenato e un’antipatia reciproca saranno gli elementi costanti del loro rapporto.
A tutto questo si aggiungeranno le vicende dei loro amici e conoscenti che, tra situazioni pericolose e imprevisti comici, faranno da sfondo a un legame che andrà crescendo di giorno in giorno a dispetto dei due protagonisti.

Riusciranno Dora e Lex, così in apparenza inconciliabili, a trovare un punto di incontro? O il loro orgoglio e la diffidenza reciproca li allontaneranno per sempre?


Bene, bene, allora lettori, ho iniziato questo libro avendo un bisogno ben preciso: dopo una serie di sette libri (che ho letto tutta d’un fiato) molto pesante emotivamente e dai toni più dark che mai, volevo un libro leggero, frizzante, autoconclusivo e divertente. Non posso che dire di aver trovato quello che cercavo.

La protagonista, Fedora ( preferibilmente Dora) ha lasciato il Connecticut per trovare il lavoro dei suoi sogni nella grande mela e ci è riuscita o quasi. Lavora in una delle più grandi case editrici del paese come assistente personale del proprietario, Lex che dopo due anni ancora non le ha mai affidato la revisione di un manoscritto. Per lei la grande occasione arriva in un turbine di malintesi e parolacce mentre Lex si vedrà catapultato giù dalla sua campana di cristallo fino al più temibile dei quartieri di NY, il Bronx. E il fuoco ben poco ci mette a divampare.

Passando ai personaggi devo dire che entrambi sono ben costruiti e caratterizzati e con tutti i loro pregi e i difetti sono stati coerenti nelle loro azioni. Fedora è una ragazza eccentrica e divertente, ama le cose semplici e il suo nuovo lavoro di editor, anela ad un amore totalizzante ma ha troppa paura di rimanere delusa e non trovarlo e per questo si affida a relazioni brevi e poco appaganti. Lex dal canto suo ha tutto quello che un uomo potrebbe desiderare: un impero tutto suo, soldi, fascino e donne disposte a tutto pur di completare il pacchetto. La sua idea del futuro è continuare ad accumulare milioni, sposarsi con una donna della sua classe che lo affianchi nelle sue superficiali relazioni pubbliche e che metta al mondo la sua prole ma cosciente di non poter essere per lui molto più di questo. Perfetto, no?

Questo è almeno quello che crede di volere, all’inizio…

«Miss Monroe, è per caso impazzita? Quando le dico di venire nel mio ufficio, lei deve smaterializzarsi e comparirmi di fronte!» La frase termina con toni decisamente più alti. Sto godendo. «Senti, Lex, questa cosa che tu urli e io vengo potrebbe anche avere dei risvolti positivi, peccato che non sono interessata.» Un singulto collettivo coglie le galline alle mie spalle. Beccati questo! «Bene, se non vuole venire nel mio ufficio le parlerò qui. Lei è licenziata!»

Tutto il tempo che passano insieme li spinge ad un’attrazione inaspettata ma una relazione è assolutamente fuori discussione. Lex è tutto ciò che Fedora non vorrebbe mai in un uomo: freddo, senza scrupoli ed egoista, è contrario a tutti i suoi valori. Per Lex analogamente Dora non potrà mai essere la donna pacata, tranquilla e cosciente del suo ruolo di cui ha bisogno. E come dar loro torto, non credete?

Ma l’amore per essere totalizzante ha bisogno di trovare dei buchi nell’anima da poter riempire con il cuore dell’altro.

«Come ben sai,» continua Lex «in questo stesso posto sono stato con molte donne negli ultimi anni. Donne di cui non mi fregava assolutamente nulla. Usavo i loro corpi e loro facevano altrettanto con me. Era solo sesso, niente più. Sai di cosa parlo. Poi sei arrivata tu, con la tua boria, la tua strafottenza, la presunzione di essere migliore di me. All’inizio ti ho odiata, sai? Perché facevi da specchio alle mie debolezze e non potevo sfuggire all’immagine di me che rimandavi. Poi è successo qualcosa, ma non posso dirti cosa perché non lo so nemmeno io. Però è successo e non posso ignorarlo, anzi, non voglio ignorarlo. Io ti amo, Fedora Monroe, e se me lo permetterai passerò il resto della mia vita a convincerti che hai fatto la scelta giusta.»

Il romanzo è scritto bene ed è molto scorrevole e se siete spaventati che questo libro sia troppo erotico per voi non siatelo, la parte sensuale è presente come è chiaro che lo sia in ogni storia d’amore, ma non è mai volgare o eccessivo anzi. In definitiva se cercate una storia d’amore romantica ed emozionante con cui sognare ad occhi aperti per un po’, questo potrebbe essere il libro giusto per voi!

20170529_224321

 

3 thoughts on “Big Apple di Marion Seals- Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...